Francia: stop a smartphone e tablet

Dal primo gennaio, i lavoratori francesi potranno (non) rispondere quando riceveranno mail o sms fuori ufficio.

La Francia è uno dei primi Paesi a varare una legge che fissa un nuovo principio per tutti i dipendenti d’impresa: spegnere telefono e computer, senza rendersi reperibili fuori dagli orari di lavoro.

Secondo uno studio francese, solo un manager su quattro interrompe le comunicazioni professionali, smette di consultare telefono ed email quando sarebbe teoricamente di riposo. Uno dei pionieri francesi è stato il gruppo Orange.

Nei primi giorni di questo nuovo anno, in virtù della ormai diffusa tendenza o se così si può chiamare, nevrosi di chi continuamente rivolge il proprio sguardo al proprio smartphone, per controllare eventuali nuovi messaggi o e-mail ricevute, in Francia è scattato il “diritto di disconnessione”, una norma prevista dalla nuova legge sul lavoro che concede ai dipendenti il diritto di “staccare”.

La normativa prevede che tutte le aziende, con oltre 50 dipendenti, dovranno negoziare codici di buona condotta con i sindacati, che includano anche la definizione precisa di momenti del giorno o della settimana in cui i dipendenti avranno il diritto di non essere connessi, concedendo loro così di poter ignorare i messaggi, le mail e le comunicazioni in alcune fasce orarie.

In poche parole la norma “regala” ai dipendenti la possibilità di “staccare” concedendo loro di non essere aggiornati, 24 ore su 24, potendo così godere di momenti di svago o comunque di riposo reale dal lavoro.