Messenger apre le porte all’e-commerce

È ormai noto a tutti come Zuckerberg abbia sempre più come obiettivo quello di trattenere i suoi utenti sulle sue piattaforme e fornire un variegato e considerevole numero di servizi ad utenti ed aziende.

Oggi scopriremo una delle sue ultime trovate.

Da quanto stiamo per leggere, capiremo come Messenger aspiri a diventare un importante traino per l’e-commerce, grazie all’intelligenza artificiale.

Acquistare una camicia o un biglietto aereo via Messenger, senza dover uscire dalla chat per completare la transazione? Impossibile penserete! E invece no, l’ultima novità di Facebook è proprio questa.

Qualche giorno fa è stato annunciato l’aggiornamento della Messenger Platform, prevedendo adesso la possibilità per le aziende di vendere prodotti e servizi all’interno dell’applicazione.

E i pagamenti? Il blog ufficiale ci anticipa che i pagamenti potranno essere integrati nei messaggi, rendendo gli acquisti più semplici per gli utenti. All’interno della conversazione apparirà il pulsante “Compra ora” che condurrà gli utenti di Messenger all’area di pagamento, dove sarà possibile inserire le informazioni di fatturazione e recapito, senza abbandonare l’app di messaggistica.

Possiamo certamente definirlo un passo in avanti considerevole nel campo dei chatbot, sistemi in grado di simulare una conversazione reale con interlocutori reali dall’altra parte dello schermo, pensati per favorire e automatizzare la conversazione tra aziende e consumatori e rafforzare il servizio clienti e le transazioni enterprise.

La novità è in versione prova, non definitiva, e interessa solo un gruppo selezionato di sviluppatori in Usa.

A enfatizzare questo aspetto è stato il numero uno di Messenger, David Marcus, nel corso di un evento organizzato dal sito TechCrunch, in cui ha rivelato che il numero di chatbot esistenti è salito a 30mila contro gli 11mila dello scorso luglio.